1

SISTEMA INFORMATIVO (SISTEMA INFORMATICO AUTOMATIZZATO (SISTEMA INFORMATICO))

Un sistema informativo è l’insieme di infrastrutture e procedure volte a gestire la risorse informazione.

Informazione[modifica | modifica wikitesto]

L’informazione ha caratteristiche che la distinguono da qualsiasi altra risorsa aziendale.

Essa infatti è:

  • Intangibile;
  • Non deperibile: non viene distrutta con l’uso;
  • Auto-rigenerante: il suo utilizzo porta alla generazione di nuova informazione.

Gestione dell’informazione[modifica | modifica wikitesto]

Gestire l’informazione si traduce in innumerevoli attività quali:

  • Creare informazione;
  • Acquisire informazione;
  • Elaborare informazione;
  • Archiviare informazione;
  • Trasmettere informazione;
  • Presentare informazione.

Queste attività non richiedono necessariamente strumenti IT.

L’informazione può essere gestita in modo:

  • Implicito: basato su esperienza e conoscenze dei singoli;
  • Esplicito ma non supportato da IT: gestione manuale;
  • Esplicito e supportato da IT: consente di organizzare e reperire l’informazione in modo efficiente e facilmente replicabile.

Ruolo dell’informatica nelle aziende[modifica | modifica wikitesto]

I sistemi informativi sono strumenti per diffondere la conoscenza all’interno dell’azienda. Questo compito risulta complesso dal momento che in azienda ci sono persone con esigenza molto diverse per:

  • Livello di astrazione: grado di sintesi delle informazioni richieste; Analitiche (dettagliate) e Sintetiche (ottenute mettendo insieme informazioni analoghe)
  • Tempestività: alcune persone devono conoscere gli eventi nel momento in cui si verificano;
  • Livello di copertura: alcune persone devono concentrare la propria attenzione su un’area particolare e un periodo ristretto di tempo mentre altre devono avere una visione più estesa e per un periodo più ampio.

Il sistema informativo deve garantire che l’informazione sia accessibile in diversi modi ai diversi utenti.

Piramide di Anthony[modifica | modifica wikitesto]

Sistema di classificazione delle realtà industriali che ha largamente influenzato il pensiero manageriale Il modello riesce a schematizzare 3 livelli differenti

  • Frequenza: sporadica
  • Aggregazione: Elevata
  • Quantità: Bassa
  • Fonte: Interna e Esterna
  • Frequenza: prefissata
  • Aggregazione: variabile
  • Quantità: Media
  • Fonte: Prevalentemente Interna
  • Frequenza: costante
  • Aggregazione: Bassa
  • Quantità: Elevata
  • Fonte: Interna
  • Attività operative: la base è caratterizzata da tutte quelle attività che permettono il regolare svolgimento del core business e sono collegate ad esso.
  • Aumentano l’efficienza, misurata in termini di rapporto tra input utilizzati e output atteso dell’attività
  • Attività tattiche: attività di programmazione e di controllo. Questo livello si occupa di stabilire degli obiettivi che vengono passati alle attività operative con degli scheduling.
  • Attività strategiche: attività decisionali legate al core business e alle prese di posizione dell’impresa sul mercato

Scomposizione del SI[modifica | modifica wikitesto]

Poiché le esigenze informative sono al variare dei profili informativi, si posso distinguere in due parti in funzione del flusso di informazioni:

  1. Orizzontale: a supporto dell’operatività, definendo e supportando i processi informativi, sincronizzano i processi operativi aziendali
  2. Verticali: al controllo sistematico delle attività, elaborando e riorganizzando i dati operativi raccolti, estraendone informazioni utili a livelli gerarchici per controllare l’andamento aziendale.

Rappresentazione gerarchica e sistema informatico Ogni livello della rappresentazione gerarchica ha bisogno di informazioni diverse perché diverse sono le caratteristiche che li rappresentano:

  • Orizzonte Temporale
  • Orientamento all’esterno
  • Discrezionalità
  • Ripetitività
  • Prevedibilità
  • Ruoli organizzativi coinvolti

RAPPRESENTAZIONE GERARCHICA: REQUISITI INFORMATIVI