Yogurt

Èun derivato del latte fermentato ad alta temperatura (37°C) che produce acido lattico e due microrganismi vivi al momento del consumo: lactobacillus bulgaricus e streptococcis thermophilus, presenti in quantità non minori di 10mln/1 gr, e almeno 1 mln per specie.

Il processo è semplice: parto da latte concentrato, lo omogeinizzo, lo pastorizzo a 72°C e lo raffreddo a 45°C. Infine posso coagularlo in due diversi modi:

  • coagulo intero: aggiunti i batteri lattici, rimepio i vasetti, li chiudo e lo lascio acidificare lasciando i vasetti al caldo per circa 6/10 ore con un pH 5, nello stesso tempo in cui si raffreddano i vasetti. Quindi le caseine coagulano e si forma uno strato di siero sopra. Aperto, questo tipo di yogurt deve essere mescolato prima di essere consumato.
  • coagulo rotto: questa tecnica viene usata per formare uno yogurt omogeneo che piace di più al consumatore. Si utilizza lo stesso procedimento di quello a coagulo intero ma viene tutto svolto in un serbatorio, così da rompere il coagulo con eliche, così che non si possa riunire. Metto dunque il prodotto in vasetto e lo lascio raffreddare, prima dello stoccaggio.

Lo yogurt greco segue questo procedimento ma è inoculato con diversi batteri.

Lo yougrt da bere segue lo stesso procedimento del coagulo rotto ma subisce un'ulteriore omogenizzazione a prodotto. finito.

In etichetta degli yogurt alla frutta c'è un'importante differenza:

  • "al gusto di" si intende con agenti che danno aroma
  • "con" si intende che all'interno dello yogurt è presente della polpa di frutta o dei pezzi di frutta
 PrecedenteSuccessivo