Modelli per nuclei medi e pesanti

Ci proponiamo di descrivere sistemi di molti nucleoni, per comprendere meglio le proprietà dei nuclei medi e pesanti. È necessario introdurre dei modelli perché si tratta di sistemi complicatissimi: ad esempio è composto da 208 nucleoni interagenti fra loro tramite l'interazione forte. Risolvere l'equazione di Schrödinger per sistemi del genere è impossibile (oltre che inutile, visto che non riusciremmo a derivarne molte informazioni utili).


L'idea generale per trattare sistemi del genere è quella di elaborare modelli a nucleoni indipendenti: consideriamo l'azione di tutti i nucleoni su ognuno di essi come dovuta ad un "campo medio" (o meglio, a un'interazione efficace, e lo si fa perché finite sono le interazioni alle quali ogni nucleone è soggetto) all'interno del quale i nucleoni si muovono come se fossero fra loro indipendenti.

 PrecedenteSuccessivo