Modelli Concettuali e Modelli Logici

Per creare un modello di dati che rappresenti il mondo reale bisogna innanzitutto creare uno schema concettuale per realizzare poi un modello logico con il quale andremo a costruire la nostra base di dati.

Modello Concettuale[modifica | modifica wikitesto]

Serve a rappresentare, come dice il nome stesso, dei concetti. Cioè le varie entità di cui vogliamo salvare i dati e che relazioni sussistono tra di esse.

Modello Logico[modifica | modifica wikitesto]

È il passo successivo al modello concettuale. Realizziamo un modello statico che sia possibile rappresentare dopo attraverso un software (il DBMS ad esempio). Esistono tre principali modelli logici:

  • Gerarchico→prevede un'organizzazione dei dati ad albero supponendo che esiste una relazione padre figlio tra le diverse entità
  • Reticolare→la logica di questo modello è basata su record e puntatori
  • Relazionale→è il modello più recente e principalmente usato nel mondo del lavoro al giorno d'oggi spiegato meglio nel prossimo capitolo

I primi due modelli, ormai obsoleti, furono inventati nei primi anni '60.

 PrecedenteSuccessivo