Definizione e Cenni Storici

La tossicologia è una branca della farmacologia che studia le reazioni avverse, provocate da agenti chimici o fisici esogeni o endogeni, negli organismi viventi.

Nonostante la sua concezione moderna nasca nel XX secolo, conoscenze tossicologiche si registrano già a partire dal 1500 a.C. Abbiamo testimonianze di sostanze utilizzate per le condanne a morte, ne è esempio il decotto di cicuta maggiore (conium maculatum) sorseggiato da Socrate durante la propria esecuzione.

Si sostiene che la regina Cleopatra si tolse la vita attraverso il morso di un aspide, del quale aveva verificato gli effetti, in modo che le inducesse una morte lenta ma non dolorosa.

Mitridate VI, re del Ponto, era ossessionato dalla paura di essere avvelenato. Testava quindi sui suoi prigionieri diverse sostanze tossiche per le quali aveva elaborato numerosi antidoti. Ironicamente morì per una ferita d'arma bianca. Similmente, Caterina de Medici testava veleni sui suoi prigionieri con la scusa di curarli, per poterne studiare la reazione a dosi differenti.

Al di fuori di questi e altri pochi esempi, nel mondo occidentali le informazioni riguardo a sostanze tossiche sono legate principalmente a testimonianze di reazioni indesiderate.

Successivo