ABS (Asset Backed Securities), liquidità e credito all'economia

Normalmente si pensa che la finanza sia il diavolo, ma ciò che si è verificato è stato un insieme di cose, anche le imprese non si sono comportate bene, quelle che hanno ricevuto il credito abbondante generato da questo sistema finanziario hanno sprecato i fondi.

ABS (Asset Backed Securities), liquidity and credit to the economy 1.png


Rmbs: subprime residential mortgage backed securities, se le prendono le famiglie sono residential, senno nonresidential.

Sub prime: quelli che comprano la casa e sono a rischio di default

Prime: quelli che comprano casa e non sono a rischio di default

Se avessimo guardato i bilanci bancari, la voce del trading è diventata sempre più importante, cioè le banche hanno fatto soldi con il trading di mercato invece che con imprese e famiglie. La finanza è diventata molto grande.

Spesso si dice che la finanza ha beneficiato a spese della real economy, un po’ è così, ma con 2 specificazioni:

1) L’aumento del credito che c’è stato in tutte le economie è stato nel financial sector con un accelerazione tra il 2004 e il 2008, ma anche tra il ‘95 e il 2000, e anche l’aumento del credito alle società non finanziarie è salito notevolmente in questo periodo. Il riassunto che dice che i profitti sono rimasti solo all’interno della finanza non è vero, perché è salita anche la quantità di credito disponibile a household (famiglie) and corporate sector (aziende)

2) I tassi di interesse sono stati bassi in recessione, e lo sono rimasti anche quando la recessione era finita per un lungo periodo. Li ha tirati fino all’1%, tirandoli su grossomodo fino all’inizio del 2004, ma ormai il mercato immobiliare (linea rossa) aveva fatto un boom incredibile dietro i tassi di interesse bassi e calanti.

ABS (Asset Backed Securities), liquidity and credit to the economy 2.png

Cosa hanno fatto le aziende con tutti i soldi arrivati?

Puoi acquisire un’altra azienda (fusioni o acquisizioni) o svilupparti. Supponendo che le aziende abbiano voluto fare investimenti per diventare grandi, perché il mercato andava bene, l’hanno fatto quasi esclusivamente per via esterna. Tra la scelta di autofinanziare la crescita interna e comprare aziende fuori, hanno deciso di comprarle fuori.

Risultato: Boom di annunci di fusioni e acquisizioni tra il 2007 e il 2008

Tante aziende sono andate in borsa per raccogliere fondi, e questi acquisti di aziende esterne sono stati comperati a debito, ma la nuova azienda così ha il peso del debito sulle spalle. Riuscire a portare avanti e mettere in pratica i piani di investimento con un debito grosso è molto difficile. Le aziende hanno ricevuto fiumi di liquidità dal settore finanziario, un po’ le aziende hanno partecipato usando liquidità per guadagnare sui mercati, hanno acquisito immobili e capannoni perché il mercato andava su e sembrava un buon investimento, poi hanno acquisito altre aziende, ma in questi casi non sono riuscite a creare valore perché ci sono studi che lo documentano:

Le fusioni e acquisizioni, producono benefici per i manager coinvolti (benefici privati) ma pochi vantaggi (creazione di valore) per l’azienda nel suo complesso (misurato in profittabilità). Emerge anche che dalla fusione delle aziende i guadagni di produttività vengono quasi solo dai nuovi impianti.

(Leverage buyout = acquisto di un’azienda comprata a debito)

 PrecedenteSuccessivo